Fluido nei polmoni: cause e trattamento

L'apparato respiratorio è soggetto a influenze esterne e le sue patologie possono essere la conseguenza di qualche patologia generale.

Fluido nei polmoni: cause

Un tale sintomo, come fluido nei polmoni, puòappaiono come risultato di infiammazione (tubercolosi, pleurite, polmonite), fenomeni stagnanti o cancro. Il liquido nei polmoni inizia ad accumularsi a causa dell'aumento della permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni e anche se la loro integrità è compromessa. Nel primo caso, l'aumentata permeabilità delle pareti dei vasi porta alla formazione di un fluido trasudato edematoso, che si accumula nei polmoni. Nel secondo caso, la violazione dell'integrità delle pareti dei vasi sanguigni mediante l'azione meccanica porta alla loro infiammazione e alla formazione dell'essudato. Questo è un liquido ricco di cellule e ricco di proteine ​​di un colore torbido che filtra attraverso le pareti dei vasi sanguigni colpiti. Spesso, il danno meccanico ai vasi sanguigni è accompagnato dalla formazione di gemotorace (accumulo nella cavità pleurica del sangue). La causa della comparsa di liquido nei polmoni può essere il malfunzionamento del sistema linfatico polmonare, che porta ad un rallentamento della rimozione del fluido edematoso, che, a sua volta, contribuisce allo sviluppo di edema. Ciò si verifica con una resezione dei polmoni, accompagnata dalla rimozione di un gran numero di linfonodi, dopo il trapianto polmonare. Un leggero aumento della quantità di liquido accumulato nell'interstizio polmonare è facilmente tollerato dall'organismo. Quando la sua quantità inizia ad aumentare troppo, i polmoni iniziano a perdere la loro elasticità, c'è un disturbo di ciò che sta accadendo nello scambio di gas leggeri, e diventano rigidi.

Uno dei primi segni di un aumento di volumefluido è mancanza di respiro. Questo è associato con una diminuzione del tasso di apporto di ossigeno dagli alveoli ai vasi sanguigni.Dopo tutto, una persona deve respirare molto più spesso del solito.

L'edema dei polmoni nel corso del suo sviluppo è 2fase. Primo, c'è una trasudazione nello spazio dell'interstizio, e da lì il liquido entra già negli alveoli. In questo caso, ci sono attacchi di asma cardiaco, soprattutto durante il sonno, una persona inizia a lamentarsi della mancanza di aria. Tosse, rantoli. Tutti questi sintomi si intensificano quando il paziente è sdraiato. Più tardi, appare l'espettorato, c'è un pallore appena visibile della pelle, le denunce di dolore nella zona del petto. È necessario effettuare la diagnosi di asma cardiaca, tenendo conto della presenza di malattie cardiache, insufficienza cardiaca cronica, età del paziente. È necessario distinguere l'asma cardiaco dalla dispnea con tromboembolia dei rami delle arterie polmonari e dall'asma bronchiale.

Fluido nei polmoni: trattamento

Ci sono vari trattamenti per questola malattia. Necessario supporto prevalentemente respiratoria (ossigeno terapia, RF VLV etc.) che riduce ipossia e pressione endoalveolare aumento, che a sua volta impedisce transsudirovaniyu fluido nell'interstizio. È anche necessario effettuare l'inalazione di ossigeno inumidito con vapori di alcol. I nitrati (nitroglicerina) sono usati per il trattamento. Essi riducono il ristagno del sangue venoso nei polmoni, senza aumentare la quantità di ossigeno nel miocardio. Nitrati in dosi opportunamente selezionati possono ridurre il carico cade sul ventricolo sinistro del cuore, causando vasodilatazione arteriosa e venosa letto. Inserisci i nitrati del corpo in due modi: si tratta di pillole o spray. Il liquido nei polmoni scompare gradualmente.

Uso adeguato di analgesici(Morfina). Allevia lo stress mentale, che contribuisce a ridurre il carico sulla muscolatura respiratoria. Anche spesso usati farmaci inotropi, per esempio, la dopamina. Il suo effetto varia con la dose. Il dosaggio di 5-10 μg / min causa un aumento della gittata cardiaca. Alzando la dose in 2 volte, otteniamo un effetto alfa-metatico.