Edema cerebrale e il suo pericolo

L'edema del cervello è una malattia abbastanza comune,capace di manifestarsi come una patologia indipendente che si manifesta sullo sfondo della malattia sottostante, o sotto forma di complicazioni dopo l'influenza, i raffreddori e così via. Questo è caratterizzato dall'accumulo di fluido eccessivo nelle cellule del cervello e del midollo spinale. Ciò può verificarsi a causa di una violazione del normale flusso d'acqua in questi organi.

A quali malattie è probabile l'edema cerebrale? Questi sono, prima di tutto, tumori cerebrali, meningite, encefalite, trauma craniocerebrale, ascesso, cancro al cervello. Questo può essere attribuito a una dozzina di malattie, ma per loro l'aspetto dell'edema non è sempre caratteristico. Nei bambini, il più delle volte l'edema cerebrale è una conseguenza di un'infezione trasmessa, polmonite, avvelenamento, tossicosi. Si ritiene che il deflusso del fluido sia difficile a causa della compromissione della funzione vascolare dovuta alla carenza di ossigeno delle cellule cerebrali.

L'edema cerebrale è un pericolo, prima di tuttoa causa del fatto che l'apporto di sangue di una persona è compromessa, la funzione respiratoria, la pressione intracranica aumenta, la confusione di coscienza, la perdita di orientamento, i malfunzionamenti nel cuore possono verificarsi. Se non sai nulla di questa malattia, allora una persona potrebbe non sospettare nemmeno che sviluppi edema cerebrale. I sintomi di esso possono essere come segue: convulsioni, mal di testa, sonnolenza, difficoltà nell'orientamento nello spazio, violazione della respirazione, dolore nel cuore. Il paziente può perdere conoscenza o smettere di rispondere agli altri.

Esistono due tipi di edema cerebrale: locale e generalizzato. Con edema locale, l'accumulo di liquidi è caratteristico intorno all'area della patologia, ad esempio intorno a un ascesso o un tumore. Può svilupparsi a causa di un livido o di un infarto cerebrale. L'edema generalizzato cattura completamente il cervello ed è una patologia più pericolosa.

Perché il gonfiore del cervello èdifficile da diagnosticare la malattia, è necessario sospettare la sua comparsa in qualsiasi perdita di coscienza e orientamento spaziale da parte di una persona, soprattutto se la persona ha avuto un'infezione prima del giorno precedente. Il principale metodo di diagnosi in un ospedale è la radiografia del cranio, la tomografia computerizzata e la neurosonografia, consentendo una diagnosi abbastanza accurata.

Puoi menzionare e strumenti ausiliaridiagnostica. Questi sono oftalmoscopia neurologica, elettroencefalografia, angiografia cerebrale e scansione cerebrale con l'aiuto di isotopi radioattivi. Insieme ai mezzi di diagnostica di base, questi metodi aiuteranno a perfezionare la diagnosi: l'edema cerebrale.
Il suo trattamento è conservativo e mirato ala ripresa della respirazione normale, della circolazione e una diminuzione della pressione intracranica. A tal fine, si raccomanda l'uso di diuretici per rimuovere l'eccesso di acqua dal corpo, così come l'ipotermia craniocerebrale, che comporta il raffreddamento della testa e la riduzione della necessità di cellule cerebrali in ossigeno. Insieme a questo, vengono usati farmaci che sono i protettori del cervello, ad esempio seduxen, droperidolo o sodio ossibutirrato.

Inoltre, l'uso di osmodiuretici,capace di stimolare la diuresi, a causa della quale il fluido accumulato nello spazio intracellulare, passa nel letto vascolare. Questi sono farmaci come sorbitolo, mannitolo e glicerolo. Applicare e barbiturici, che riducono il gonfiore e prevenire le convulsioni. Inoltre, vengono utilizzati farmaci che ripristinano il tono vascolare e hanno un effetto positivo sulla composizione del sangue, così come inibitori e sostanze che rafforzano le membrane cellulari.

Una persona malata ha bisogno di riposare e riposare. Per garantire una respirazione normale, è necessario occuparsi dell'afflusso nella stanza in cui si trova il malato, aria fresca.